AAA. Mercatini di Natale cercasi

Gammelstad, mercatino di Natale (dicembre 2017)

Già, come avevo anticipato, i mercatini di Natale, in Svezia e nel Norrbotten, si sprecano. Tutto ha inizio verso la fine di novembre quando, almeno una volta a settimana, compare all’improvviso un evento facebook natalizio nelle vicinanze. Ieri, così, nonostante il tempo (ma non è questo che mi può fermare, né tantomeno scoraggiare), ho deciso di visitare il mercatino di Gammelstad

Sito storico targato UNESCO, Gammelstad durante l’inverno è purtroppo difficile da visitare: gli orari di apertura del centro informazioni sono ridotti e i locali e la meravigliosa chiesa sono generalmente chiusi. Perciò, prima di fare una visita è sempre meglio consultare il sito internet, altrimenti il rischio è quello di rimanere in balia del vento e del freddo in attesa del prossimo bus (e io ne so qualcosa…).
Natale però costituisce una sorprendente eccezione: a dicembre, per due interi giorni, il villaggio-chiesa prende vita e si popola, di figuranti e visitatori. E il risultato è pura magia natalizia: sono sicura che anche gli scettici del Natale si ricrederebbero.

Braccialetti Sami al mercatino di Natale di Gammelstad (dicembre 2017)

Il biglietto (che costa 30 corone, circa 3 euro, a persona) dà accesso a un meraviglioso mondo in cui si può: 

  • semplicemente girare tra le bancarelle, pensando ai regali di Natale, e scegliere tra indumenti in lana lavorati a mano, bracciali Sami, dolci tipici svedesi, tappeti, appendini per abiti realizzati con le corna delle renne (che gli animali perdono naturalmente).
  • Sorseggiare l’inebriante glögg, bevanda tipica dell’avvento, per cui voglio spendere qualche parola a parte.
  • Fare una visita guidata del paese con tanto di lanterne (non vorrei ricordarlo troppo spesso, ma alle 15 è già buio pesto).

Ma soprattutto vedere Babbo Natale (Tomte in svedese). E per me, ancora oggi fantasiosa sognatrice senza speranza, assistere all’incontro tra il nonno con la barba e dirossovestito e i bambini, che lo guardavano con gli occhi grandi grandi, ammutoliti dalla meraviglia, è stata davvero un’emozione incredibile. Ebbene, ogni tanto mi addolcisco anche io.

Arrivo di Tomte a Gammelstad (dicembre 2017)

Lascia un commento