Lo svedese in Italia?

Pubblicato da La mia vita senza tacchi il

Sto parlando di un corso di lingua. Conoscere lo svedese non è imperativo, soprattutto se si parla bene inglese, ma è una strada che porta ad avere una maggiore dimestichezza con la cultura, gli usi e i costumi del Paese. E ora veniamo a noi, svedese! Che lingua sarà? Facile, difficile? Ho sentito pareri discordanti, a tal proposito. C’è chi dice sia un tedesco alquanto semplificato e chi, sui forum soprattutto, parla di tempistiche d’apprendimento piuttosto lunghe – attorno ai tre anni per una padronanza quasi perfetta.

Io, dalla mia, non sono ancora alle prime armi, ma addirittura alle premesse. Quasi esattamente un anno fa, ancora a Milano e ignara di tutto, decidevo di fare una lezione-prova di svedese: dopo un’ora di corso, scoraggiata, me ne tornavo a casa, decisa, per il momento, di lasciare perdere. Poi la notizia del trasferimento, e ora ci siamo quasi.
Dove imparare lo svedese? In Svezia è semplice: ogni comune e le principali università organizzano corsi per chi, arrivato da fuori, vuole masticare l’idioma locale. 

In Italia, e più in particolare a Milano, ci sono svariate possibilità. La prima è online: il sito web www.learningswedish.se è una piattaforma ben fatta, curata dallo Swedish Institute, per fornire agli utenti, in maniera completamente gratuita, i primi strumenti per avvicinarsi alla lingua. Questo è ciò che sto facendo io: lo sto usando, in vista dell’iscrizione a un corso vero e proprio; al momento mi sono limitata ad alfabeto, numeri e ora, però trovo il metodo di insegnamento immediato e molto efficace.

Se, invece, si preferisce iscriversi a un corso, queste sono le due opzioni: la casa editrice Iperborea, specializzata nella pubblicazione di libri nordici, organizza corsi di vari livelli di lingua svedese, finlandese, norvegese, islandese e danese [edit: a oggi, gennaio 2019, pare che i corsi non siano più attivi]. L’unica alternativa (a parte i corsi universitari, che sono frequentabili gratuitamente da auditori, senza iscrizione) è The YES School, che organizza corsi per aziende o privati, adulti e bambini.


La mia vita senza tacchi

Assidua lettrice, moderatamente grafomane, serie tv-dipendente, incallita girovaga, smodata ammiratrice (senza speranza) di Andy Warhol e David Bowie. E, già, per niente sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Instagram