Weekend a Oulu, a caccia della luce

Pubblicato da La mia vita senza tacchi il

Novembre, si sa, è il mese più buio dell’anno, quassù a nord (proprio a questo serve la mia controguida resistente). Quindi che cosa si può fare, se non andare a caccia di luce, anzi, di luci? Ecco spiegata la mia gita fuoriporta a Oulu, spinta dalla voglia di luce e, ovviamente, dalla mia insaziabile fame per qualsiasi cosa che abbia a che fare con i viaggi e la creatività.

Oulu, Uleåborg nella traslitterazione svedese (perché agli svedesi piace molto usare la lettera Å), è la città gemella di Luleå, è la narciso che si specchia sulle acque finlandesi del Golfo di Botnia. Per arrivarci servono infinite ore di autobus (e lo sconsiglio), oppure circa tre ore e mezzo in auto – probabilmente anche meno durante l’estate.  

LUMO Light Festival 2019, Oulu (Finlandia) - novembre 2019

Ai miei occhi, Oulu è importante per due cose. Per i suoi onnipresenti karaoke (non sono così esperta di Finlandia per parlare di “peculiarità nazionale”), e per il LUMO festival, il festival delle luci. Arrivato quest’anno alla sua settima edizione, viene di solito organizzato il terzo weekend di novembre e coinvolge svariate zone del centro cittadino.

Ora, parliamoci chiaro. Pur senza la pretesa di essere un evento al pari della Fête des Lumières di Lione, LUMO è comunque un’occasione interessante per chi si trova nei paraggi e vuole vedere qualcosa di diverso. Senza contare i risvolti sociali positivi e rivitalizzanti per una città abituata a stare a lungo al chiuso durante le ore di buio invernale. 

202020 Inverse al LUMO Light Festval di Oulu (Finlandia) - novembre 2019
MAPP al LUMO Light Festival di Oulu (Finlandia) - novembre 2019

Quest’anno le installazioni erano una ventina. Non le ho viste proprio tutte, ma quasi, anche grazie a una visita guidata gratuita (in inglese) di circa un’ora che ci ha permesso di andare “dritti al punto”. Tra le mie preferite, Trillennium Garden, composta da scatole luminose ritagliate e costruite dai bambini delle elementari, insieme ai loro insegnanti. 202020 Inverse, una vetrina in cui dei performer ballavano assecondando il cambio di colore delle luci – a sua volta influenzato dagli utenti, che condividevano il loro stato d’animo sulla pagina facebook dell’evento. E Plastic, una ‘costellazione’ di busti in plastica riciclata sospesi sopra l’acqua e tra gli alberi.
Molti altri meritavano, ma la locandina è solo in finlandese e google translate aiuta solo fino a un certo punto.

Trillennium Garden al LUMO Light Festival di Oulu (Finlandia) - novembre 2019

Al ritorno, ovviamente, sosta quasi obbligata ad Haparanda, dove Ittala e IKEA mi hanno accolto a braccia aperte.

Weekend fuoriporta a Oulu IN SINTESI
Durata del viaggio: 3 ore e mezza a tratta in auto, a partire da Luleå
Destinazione: Oulu, LUMO Light Festival
Durata della sosta: circa 24 ore
Notte: in un appartamento molto carino prenotato su AirBnB
Cena: da Hugo (l’unica parola finlandese che ho imparato è proprio ravintola, “ristorante”)
Brunch: in un affollatissimo, ma molto cosy, Rooster.

Impressione generale: molto positiva per noi. Grande disappunto da parte dei gatti, che ci hanno fatto trovare una gentile pipì sul letto. 


Avatar

La mia vita senza tacchi

Assidua lettrice, moderatamente grafomane, serie tv-dipendente, incallita girovaga, smodata ammiratrice (senza speranza) di Andy Warhol e David Bowie. E, già, per niente sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Instagram